Per il tasso di letalità legato al Covid-19, regione per regione, l’Umbria si attesta al 3,9% e quindi registra la mortalità più bassa in Italia. Lo ha sottolineato il direttore regionale della Sanità Claudio Dario nel corso di una conferenza stampa online della Regione Umbria.

Lo ha fatto citando i dati del Ministero della Salute aggiornati all’8 aprile.

“Il perché di questo dato – ha detto Dario – lo si valuterà alla fine e vedremo di capire quali sono state le cause”.

“Interessante”, secondo il direttore regionale, anche il dato sulla percentuale di utilizzo delle terapie intensive per capienza. L’Umbria ha il 39% (all’8 aprile sono 41 i ricoverati Covid-19 in terapia intensiva) su un totale di 106 posti letto.

“Qui non siamo ultimi ma un po’ più bassi della metà – ha spiegato ancora Dario – ad indicare che la gravità non è minore che da altre parti”.