Obbligo di indossare mascherina (o “qualunque altro indumento a copertura di naso e bocca”) per gli abitanti di Gualdo Tadino. Lo prevede un’ordinanza adottata “con decorrenza immediata” dal sindaco Massimiliano Presciutti. Finora in Umbria né la Regione né altri Comuni hanno adottato simili provvedimenti.

In particolare il sindaco di Gualdo Tadino ha disposto che “è fatto obbligo a tutti i cittadini,ogni qualvolta ci si rechi fuori dall’abitazione, di adottare tutte le misure precauzionali consentite e adeguate a proteggere sé stesso e gli altri dal contagio. Presciutti, oltre al ricorso a mascherine e guanti, ha stabilito che “in ogni attività sociale esterna deve comunque essere mantenuta la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro” ed ha infine incaricato la polizia locale e le altre forze dell’ordine della vigilanza sull’esecuzione dell’ordinanza.

Motivando l’ordinanza con la quale ha introdotto l’uso di mascherine e guanti monouso per tutti coloro che escono di casa, il Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano spiega come si tratti di “sacrifici necessari. Più saremo responsabili – dice – prima ne usciremo”

“Dobbiamo contenere al massimo le possibilità di contagio – sostiene Presciutti – e in ogni caso sono mezzi di prevenzione necessari ai quali dovremo abituarci anche nei mesi prossimi visto che la ripresa sarà comunque graduale e non possiamo minimamente abbassare la guardia”.

Riguardo all’approvvigionamento delle mascherine, Presciutti ha spiegato che le farmacie comunali e gli esercizi aperti (come ferramenta ed erboristerie) sono forniti”. “In ogni caso – ha concluso – abbiamo rifornimenti almeno nelle farmacie almeno due volte a settimana a prezzi calmierati”.