Celebrato il 2 marzo, il 17/o anniversario dell’omicidio del sovrintendente capo della polizia di Stato Emanuele Petri, medaglia d’Oro al Valor Civile, ucciso mentre era in servizio su un treno Roma-Firenze nel corso di un intervento che portò all’arresto della brigatista Nadia Desdemona Lioce e quindi a smantellare le nuove Br.

La cerimonia si è tenuta, a Tuoro sul Trasimeno alla presenza della vedova Alma Petri, del prefetto Claudio Sgaraglia, del questore Antonio Sbordone e del sindaco Maria Elena Minciaroni.

Al cimitero di Vernazzano è stata deposta una corona di alloro presso la tomba di Petri. Poi una messa è stata celebrata nella chiesa di Santa Maria della Misericordia a Tuoro sul Trasimeno.