Fitto programma di appuntamenti promosso da istituzioni, scuole e associazioni, lunedì a Terni, in occasione del Giorno della Memoria.

La commemorazione ufficiale in ricordo della Shoah, organizzata dalla prefettura, si terrà alle 16.30 a palazzo Bazzani. Oltre alle autorità civili, militari e religiose del territorio, parteciperanno anche alcuni studenti iscritti al liceo Majorana di Orvieto.

Sempre lunedì a Terni i licei Tacito e Angeloni, con la collaborazione dell’Istituto di studi per la storia dell’Umbria contemporanea, attraverso la produzione di testi e l’esecuzione di brani musicali rifletteranno a palazzo Gazzoli, a partire dalle 9,30, sul tema ‘Come rane d’inverno: corpi di uomini e donne nei lager nazisti’.

Alle 20,30, al Caffè Bugatti, il Centro per i diritti umani Nelson Mandela proporrà invece un reading con musiche, testimonianze e memorie uscite dall’inferno dei lager a cura di Donatella Calamita, Elisa Gabrielli e Simone Mazzilli.

Commemorazioni anche ad Amelia, dove sarà direttamente la voce di un sopravvissuto ai campi di concentramento, Salvatore Federici, a raccontare la propria esperienza a Bad Sulza: l’appuntamento, promosso dall’Unitre di Amelia, è in programma mercoledì alle 16.15 presso la biblioteca comunale.

Sempre ad Amelia lunedì alle 9,30 nella chiesa di San Francesco è prevista inoltre la commemorazione del bombardamento che il 25 gennaio del 1944 distrusse la scuola Maestre Pie Venerine, uccidendo 17 persone, tra cui 12 bambine, alcune insegnanti e personale scolastico.

Ad Orvieto, gli assessorati comunali all’Istruzione e alla Cultura inaugureranno lunedì alle 9,30 a palazzo dei Sette la mostra fotografico-letteraria Ravensbruck, la memoria di un viaggio, con foto e testi degli studenti dell’istituto scientifico e tecnico, che rimarrà aperta fino al 3 febbraio.

Mercoledì alle 18, sempre a palazzo dei Sette sarà infine proposta la perfomance ‘Memme Bevilatte salvata da Teresa, Storia dei giusti’, tratta dall’omoimo libro di Italo Arcuri che racconta la storia di salvezza di otto ebrei, avvenuta a Riano, durante l’occupazione tedesca.