Fuochi d’artificio vietati, dalle 16 di domani alle 24 del primo gennaio, a Terni, in luoghi aperti al pubblico ed in vie, piazze e aree pubbliche dove transitino o siano presenti soggetti fragili e animali. E’ quanto prevede un’ordinanza firmata in occasione del Capodanno dal sindaco Leonardo Latini, con l’obiettivo di garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini e la tutela degli animali.

Il divieto – spiega una nota dell’amministrazione – vale anche per petardi, botti, razzi e simili materiali pirotecnici, con particolare riguardo alle aree a distanze inferiori a 200 metri da ospedali, cliniche, luoghi di ricovero e cura, canili.

I materiali pirotecnici, oltre che nei luoghi privati nel rispetto delle prescrizioni, possono essere esplosi anche in zone isolate, ma comunque a debita distanza da soggetti fragili e dagli animali, evitando tassativamente le zone affollate per la presenza di feste, riunioni o altri motivi. E tutte le aree nelle quali l’esplosione del prodotto pirico potrebbe ingenerare incendi.