Ritenuto autore di almeno sei furti e tentativi di furti ai danni di abitazioni e esercizi commerciali di Terni, una volta rintracciato e portato in questura ha dato in escandescenze, strappandosi la maglia, scagliandosi contro le pareti della stanza, fino a distruggere una sedia: per questo un ghanese di 23 anni, risultato irregolare e già inquisito in passato, è stato arrestato dalla squadra volante.

L’uomo – in Italia dal 2016 come richiedente asilo, con permesso scaduto il primo ottobre, e proveniente da Grosseto – nella notte tra martedì e ieri è stato individuato a poca distanza di un bar di via Narni dove poche ore prima, in base a quanto raccolto poi dalle telecamere, aveva tentato di scassinare il distributore di sigarette colpendolo con il coperchio di un tombino e poi con un trapano elettrico. Trovato all’interno di un furgone in cui stava trascorrendo la notte, è stato condotto negli uffici della questura, dove nel frattempo sono giunte le altre denunce.

L’uomo, in particolare, avrebbe preso di mira un negozio di abbigliamento, un centro scommesse, un’abitazione sovrastante e un furgone (impossessandosi di vestiario, arnesi vari, soldi e materiale elettronico), per poi rubare la bicicletta con cui è fuggito da via Narni. L’arresto è stato deciso dagli agenti, coordinati dal dirigente della volante Francesco Petitti, dopo che, in questura, ha tenuto per tutto il tempo un comportamento definito aggressivo e violento.