Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta di Vallo di Nera dopo i lavori di restauro post sisma. È la seconda chiesa ad essere recuperata dalle ferite del terremoto dopo quella di Cerreto di Spoleto.

Risalente all’epoca imperiale, nel Trecento la chiesa passò ai francescani che accanto costruirono anche il convento con un piccolo chiostro. L’edificio di culto custodisce preziosi affreschi realizzati dal XIV al XVII secolo da vari pittori, tra cui Cola di Pietro da Camerino, seguace di Giotto. La messa, officiata dal vescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo, è stata preceduta da un convegno in cui sono state illustrate le opere di restauro”.