Entro aprile 2020 l’organico della questura di Terni sarà potenziato di 14 unità complessive, che porteranno così a 36 il totale calcolato a partire dall’aprile 2018: lo ha detto oggi il sottosegretario agli Interni Carlo Sibilia, in visita istituzionale alla prefettura di Terni.

Ad accoglierlo il prefetto vicario, Andrea Gambassi, e il capo di gabinetto, Walter Pennestri, per un incontro programmato con le forze dell’ordine per fare il punto sulle questioni legate al comparto sicurezza della provincia. Sibilia ha sottolineato che i rappresentanti di questura, Arma dei carabinieri e finanza hanno rappresentato “un quadro abbastanza rassicurante dal punto di vista criminalità” nel territorio provinciale.

“Ovvio – ha aggiunto – che questa cosa non dobbiamo darla per scontata, perché è un lavoro che si fa giornalmente. Tra il 2017 e il 2018 ci sono state difficoltà che grazie al lavoro delle forze dell’ordine sono state superate”. “La visita testimonia che l’attenzione del Governo è massima soprattutto verso una di quelle prefetture che lo scorso anno hanno rischiato la chiusura” ha detto ancora Sibilia, rassicurando sul fatto che nelle prossime settimane sarà nominato il nuovo prefetto, dopo il pensionamento di Paolo De Biagi. Quanto agli organici delle forze dell’ordine, oltre al potenziamento di quello della questura, la finanza ha ricevuto recentemente cinque unità, mentre “i carabinieri hanno già un turnover programmato per tempo”. “Sono pronto ad impegnarmi anche per i vigili del fuoco, che se ci sono difficoltà di organico” ha concluso Sibilia, che al termine della visita in prefettura ha incontrato il comandante provinciale del corpo, Giancarlo Cuglietta.

Lo stesso sottosegretario all’Interno, ha poi incontrato – sempre nella sede della Prefettura – le maestre dei nidi d’infanzia e delle scuole dell’infanzia, ancora precarie dopo quasi 17 anni di servizio ed in attesa di stabilizzazione.

La loro situazione continua a destare preoccupazione a causa di un ritardo nell’invio al Ministero dell’Interno, da parte del Comune di Terni, di un documento necessario alla chiusura della pratica.

Carlo Sibilla si è reso immediatamente disponibile nel seguire la vicenda in modo tale da velocizzare un iter fermo ormai da troppo tempo.