I carabinieri di Osimo, in provincia di Ancona, hanno arrestato a Santa Maria Capua Vetere e Casaluce, nel casertano, in esecuzione di un’ordinanza del gip del tribunale di Ancona, 2 albanesi, rispettivamente di 36 e 32 anni, ritenuti responsabili, insieme ad altri complici in via di identificazione, di 73 furti in abitazione (di cui 17 tentati) nelle Marche (36, di cui 17 in provincia di Ancona, 13 in quella di Macerata e 6 in provincia di Fermo), Umbria (3, tutti a Foligno) e Campania (34 tra le province di Salerno ed Avellino) per un bottino complessivo di 200 mila euro.

Le indagini, durate 7 mesi, sono state condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Osimo e sono partite da una sequenza di 7 colpi messi a segno a Camerano, in provincia di Ancona, il 18 febbraio presso abitazioni poco distanti l’una dall’altra a ridosso della corsia nord dell’A14. Individuata una banda, con nella provincia di Caserta, specializzata nei furti in appartamento con la tecnica del foro con la tecnica del foro.