Al via un’attività di vigilanza, per verificare la presenza di eventuali irregolarità derivanti da un abusivo commercio del prodotto, nei 91 esercizi commerciali della provincia di Terni specializzati nella vendita di cannabis light. Lo ha deciso il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Paolo De Biagi. Riunione alla quale hanno preso parte i vertici delle forze di polizia e i corpi locali, del capoluogo, anche di Orvieto, Narni e Amelia.

La ricognizione delle attività commerciali – di cui solo quattro interessate alla vendita esclusiva di derivati e infiorescenze della canapa – era stata decisa nel corso di una precedente riunione sul tema. I controlli – spiega la prefettura – verranno avviati nell’ambito del Piano coordinato di controllo del territorio e saranno coordinati operativamente dalla questura. In particolare, è stata condivisa l’opportunità di avviare specifici servizi di osservazione finalizzati ad individuare la presenza di possibili anomalie, tali da far ritenere che all’interno degli esercizi commerciali possano concretizzarsi attività di vendita di prodotti che presentino caratteristiche che non rientrino nelle previsioni indicate dalla normativa di settore.