Ha fatto tappa a Narni l’iniziativa promossa da Assogasliquidi e Ancitel Energia e Ambiente, a livello nazionale, per sensibilizzare le amministrazioni pubbliche nel favorire una riflessione sulle migliori soluzioni per contrastare l’inquinamento dell’aria, a partire dall’uso di Gpl e Gnl: istituzioni ed esperti si sono ritrovati a palazzo dei Priori per il convegno dal titolo ‘Qualità dell’aria: gli attori, la normativa e le responsabilità sul territorio’.

Trasporti, agricoltura e riscaldamento domestico a biomassa, è stato rimarcato, rappresentano i tre settori che maggiormente sono causa degli alti livelli di inquinamento e rispetto ai quali è necessario studiare possibili azioni per prevenire i rischi sulla salute e sull’ambiente, anche attraverso la promozione di fonti energetiche sostenibili. Durante il convegno – organizzato con il patrocinio di Anci Umbria – è stata presentata una soluzione definita innovativa per il controllo e la promozione di aria più pulita: si tratta di ‘Air Pollution Control’, un dispositivo per il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, attraverso il quale è possibile rilevare le emissioni inquinanti del riscaldamento domestico, con l’ausilio di un drone con sensore.