La presidente dimissionaria della Regione Catiuscia Marini, potrebbe non essere in aula il 7 maggio prossimo quando l’Assemblea legislativa umbra sarà chiamata a discutere la sua rinuncia all’incarico. Affidando, sembra, le sue posizioni a un documento che potrebbe essere letto dalla presidente dell’Assise, Donatella Porzi.

E’ lo scenario che si sta profilando secondo indiscrezioni raccolte dall’ANSA. La situazione appare comunque ancora fluida sotto vari aspetti.

Catiuscia Marini – che ha scelto per il momento di rimanere in silenzio – valuterebbe quindi le posizioni che saranno espresse dalla maggioranza, in particolare dal Pd, e dalle opposizioni in Assemblea legislativa. In caso di voto contrario alle sue dimissioni avrà infatti 15 giorni per decidere se confermarle, con la Regione che a quel punto andrà ad elezioni anticipate, o respingerle.

Negli ultimi giorni ci sarebbero stati diversi contatti tra Marini ed esponenti locali del Pd.