I servizi di ordine e sicurezza pubblica in occasione delle prossime festività pasquali sono stati all’ordine del giorno della seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica svoltosi nella giornata di ieri 11 aprile 2019.

Alla riunione, presieduta dal Prefetto Paolo De Biagi, hanno partecipato gli Amministratori locali e i Comandanti delle Polizie Municipali dei principali Comuni della Provincia, i vertici provinciali delle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco e rappresentanti dell’Anas, della Provincia, della Motorizzazione Civile e dell’Ufficio Scolastico Provinciale.

Nel corso della seduta, sulla base degli indirizzi formulati a livello nazionale dal Ministero dell’Interno e in considerazione del prevedibile incremento della movimentazione di persone, merci e valori nel periodo in questione, sono state concordate le strategie e le linee d’azione alle quali saranno improntati i rafforzati servizi di vigilanza e prevenzione finalizzati a garantire la sicurezza delle persone durante le festività pasquali.

In particolare, sono state incrementate le misure di vigilanza a tutela degli obiettivi maggiormente a rischio, quali sedi istituzionali, centri commerciali, luoghi di afflusso turistico e, in particolare, santuari e luoghi di culto, tradizionali mete di fedeli.

Nel corso della riunione, in considerazione del prevedibile incremento dei flussi della circolazione stradale verso le principali località turistiche, sono stati anche concordati specifici piani e servizi di polizia stradale per la predisposizione e l’attuazione di azioni coordinate e sinergiche, utili a prevenire e contrastare l’incidentalità stradale e garantire la sicurezza delle persone in viaggio.

In particolare, in considerazione dei cantieri aperti nel periodo pasquale e fino a maggio dall’ANAS sulla SS 675, è stato individuato un percorso alternativo al tratto interessato dai lavori sui cui deviare il flusso veicolare in caso di blocco della circolazione per incidenti o intasamenti. L’ANAS predisporrà la cartellonistica di emergenza mentre le Forze di Polizia, statali e locali, cureranno – sempre assieme a personale dell’ANAS – l’instradamento dei veicoli sul percorso alternativo.

Nel corso della riunione è stata esaminata anche la problematica della sicurezza del trasporto scolastico, soprattutto in questo periodo tradizionalmente destinato a gite e viaggi di istruzione.

Si è concordato di richiamare l’attenzione dei Dirigenti scolastici sulla opportunità offerta dall’intesa siglata tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero dell’Interno che prevede la possibilità per i singoli istituti scolastici che organizzano gite e viaggi di istruzione di comunicare alla Polizia Stradale gli estremi dei viaggi per consentire a quest’ultima e alle Polizie Municipali la programmazione di controlli, sia in partenza che in itinere, sulla efficienza dei mezzi di trasporto utilizzati, sulla regolarità documentale dei conducenti e sul rispetto della normativa dei tempi di guida e riposo.

È stata inoltre raccomandata alle Polizie Municipali l’attivazione di analoghi controlli, nei confronti dei servizi di trasporto scolastico per controllare parimenti il rispetto della vigente normativa anche in tale ambito.