L’acquisto di prodotti attraverso la rete internet, nonché la compravendita di oggetti usati, è un’abitudine ormai consolidata tanto da coinvolgere una larga fetta di consumatori e utenti della rete. Nonostante l’acquisto on-line sia generalmente sicuro, all’estrema facilità di utilizzo della tecnologia si contrappone, però, il forte pericolo di poter rimanere truffati: la semplificazione delle trattative e delle transazioni monetarie, unita alle caratteristiche proprie dell’ambiente virtuale, fanno sì che le vittime di questa tipologia di truffa on-line siano in costante aumento.

Nei giorni scorsi, i militari della Stazione Carabinieri di Terni hanno denunciato a piede libero tre italiani, originari di Napoli, Foggia e Lucera, rispettivamente classe ’67, classe ’92 e classe ’60, per due distinte truffe. La prima ha visto vittima un 36enne ternano che, dopo aver inserito in rete un’offerta per un orologio di valore, confidando nella buona fede del compratore lo ha ceduto a fronte della ricezione di un assegno bancario di 10000 euro. Pochi giorni dopo, l’amara scoperta: solo dopo aver ormai spedito l’oggetto della compravendita, il truffato si è accorto che l’assegno risultava clonato. Gli accertamenti dei militari hanno stabilito che il truffatore aveva anche utilizzato documenti d’identità contraffatti. Il 52enne campano è stato dunque denunciato a piede libero per i reati di truffa, di falsità in titoli di credito e di utilizzo di documenti contraffatti. Il secondo episodio ha visto vittima un 63enne ternano, questa volta nei panni dell’acquirente. Dopo aver trovato un annuncio per la vendita di un oggetto da collezione, effettuata regolarmente la transazione in denaro, non ha mai ricevuto l’oggetto, rimanendo dunque truffato per una somma di 290 euro. Le investigazioni hanno consentito di risalire all’identità dei truffatori, denunciati in concorso.

L’acquisto on-line è generalmente sicuro se si presta attenzione ad una serie di accortezze che possono porre al riparo da spiacevoli inconvenienti. L’occasione è dunque utile per ribadire una serie di consigli che possono realmente diminuire il rischio di rimanere vittima di una truffa. Innanzitutto bisogna fare attenzione a selezionare siti e piattaforme di vendita note, protette e certificate, diffidando da applicazioni o piazze virtuali sconosciute. Fare affidamento ai sistemi di valutazione e di feedback, sono un ottimo modo per valutare l’affidabilità del contraente: un elevato numero di transazioni positive fa senza dubbio rilevare che un’eventuale trattativa potrà essere sicura. Possibilmente debbono essere utilizzati sistemi di pagamento certificati o carte di credito ricaricabili, per ridurre al minimo i rischi connessi. Diffidare da offerte stranamente troppo vantaggiose ed orientarsi verso quelle che hanno le minori oscillazioni dal reale prezzo di mercato, non avere fretta di concludere gli affari. Affidare tutte le comunicazioni a sistemi tracciati, evitare di contrattare solo con una telefonata. Ricordare sempre i diritti del consumatore, in particolare il diritto di recesso (o ripensamento) per gli acquisti fatti al di fuori dei locali commerciali.