Intensificazione dei controlli e delle misure di prevenzione e contrasto al fenomeno dei reati predatori nei Comuni di Arrone, Ferentillo, Montefranco e Polino, per incrementare il livello della sicurezza percepita da parte dei cittadini.

Questo, tra gli altri, il tema all’ordine del giorno della riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che, presieduta dal Prefetto di Terni Paolo De Biagi, si è svolta ieri presso la sede di palazzo del Governo.

Alla presenza dei Sindaci interessati, del Questore di Terni Antonino Messineo e dei vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, sono stati analizzati i dati relativi al numero dei reati predatori registrati nei quattro comuni della Valnerina nel 2018 e negli anni precedenti.

Sebbene il trend dei furti in abitazione abbia registrato un tendenziale, sia pur limitato, aumento nel corso dell’ultimo quinquennio, i dati non risultano particolarmente preoccupanti. Nel 2018, sono stati 10 i furti perpetrati ai danni delle abitazioni private nel Comune di Ferentillo, 20 quelli registrati nell’arronese; a Montefranco sono stati 15, mentre nessun episodio si è verificato nel Comune di Polino.

In particolare, la recrudescenza dei furti si registra annualmente nel periodo invernale, come risulta dall’analisi storica dell’andamento della delittuosità.

Per contrastarne l’incidenza, si è convenuto sulla opportunità di intensificare le misure del controllo del territorio anche allo scopo di attenuare il senso di insicurezza percepito dai cittadini.

Il Questore di Terni ha assicurato l’implementazione dei servizi di controllo straordinario con il supporto saltuario del Reparto Prevenzione Crimine, mentre l’Arma dei Carabinieri provvederà ad intensificare, in loco, mirati servizi di controllo esterno.

Da parte loro, i Sindaci hanno assunto l’impegno ad avviare ogni utile iniziativa finalizzata all’implementazione dei sistemi di videosorveglianza dei Comuni, anche attraverso forme di condivisione dei patrimoni tecnico-informatici di cui si doteranno le Amministrazioni comunali.

Nella convinzione che il sistema di controllo di vicinato rappresenti un’efficace forma di prevenzione della delittuosità, si è convenuto sull’importanza della collaborazione della popolazione chiamata a segnalare alle Forze dell’Ordine comportamenti anomali o sospetti eventualmente individuati in prossimità delle proprie abitazioni e nelle altre vie cittadine.

Su richiesta dei Sindaci, le Forze di Polizia hanno assicurato la disponibilità a partecipare, a breve, a incontri locali con la popolazione, finalizzati a fornire indicazioni comportamentali e a stimolarne ed indirizzarne la collaborazione.