E’ un fenomeno “in continua crescita” quello dei ricatti online monitorato dalla polizia postale e delle comunicazioni dell’Umbria. Che nel 2018 ha trattato 30 casi.

Gli agenti – emerge dal bilancio di fine anno del Corpo – hanno denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria due persone. Secondo gli investigatori, comunque, il dato emerso è “parziale e fortemente ridotto” rispetto alla reale entità del fenomeno.

Tra i reati contro la persona, risultati “in costante aumento” le diffamazioni online. Soprattutto ai danni di persone che ricoprono incarichi istituzionali o sono note. In questo ambito, nel 2018 la polizia postale dell’Umbria ha denunciato 34 persone.

L’aumento del numero degli adolescenti presenti sul web ha poi determinato una crescita del numero di minorenni vittime di reati contro la persona: dai quattro casi registrati nel 2016 si è passati a otto nel 2017 e 15 trattati nel 2018. Con le vittime che hanno tutte età compresa tra 14 e 17 anni.