Un arresto e quattro indagati, tutti originari dell’Albania, in un’operazione antidroga della squadra mobile di Perugia contro quello che è ritenuto un gruppo dedito allo spaccio al minuto di cocaina tra Ferro di Cavallo e Ellera di Corciano.

In carcere è finito il presunto capo, un quarantenne rintracciato in Versilia dove si era rifugiato. Dalle indagini è emerso che utilizzava quattro connazionali, ventenni o poco più, per le consegne che avvenivano nei pressi di esercizi pubblici o a domicilio, con un piccolo sovrapprezzo. Per eludere i controlli – in base agli accertamenti – l’uomo li “cambiava”, ogni due o tre mesi ma i giovani, nel frattempo tornati in Albania, sono stati ugualmente indagati.

Gli acquirenti sono risultati in gran parte giovanissimi, attratti – spiega la polizia – sia dalla qualità del prodotto “superiore alla media”, ma soprattutto dal basso costo, essendo l’organizzazione in grado di immettere sul mercato dosi da 0.40 grammi anziché la “tradizionale” busta da un grammo.