Si è svolta ieri, presso la Prefettura di Terni, una esercitazione di Protezione Civile “per posti di comando”, che ha simulato uno scenario incidentale all’interno del deposito “Energas Spa” di Narni. L’obiettivo è stato quello di testare il Piano di Emergenza Esterna per le industrie a rischio di incidente rilevante (PEE) e, in particolare, il grado di efficacia delle comunicazioni tra gli Enti e le Strutture operative coinvolte nel sistema dei soccorsi nonché le procedure di informazione della popolazione e i mass media.

Coinvolte nella simulazione soltanto alcune delle strutture operative e componenti del sistema di Protezione Civile: il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, la Questura, il Comando Provinciale Carabinieri, il Comune di Narni, il 118, l’Asl Umbria 2, l’Azienda Ospedaliera S. Maria, la Provincia, il Servizio di Protezione Civile regionale e l’azienda Energas.

L’esercitazione è iniziata alle ore 14,50, con la segnalazione di una fuga di gpl da una valvola di sicurezza di un serbatoio con dispersione del gas ed incendio dello stesso seguito da un getto di fuoco con potenziali effetti anche all’esterno dello stabilimento.

Sono state testate le procedure di costituzione del Centro Coordinamento Soccorsi (C.C.S.) presso la Sala Operativa di Protezione Civile della Prefettura e del Comitato di Emergenza presso l’azienda, ai fini dell’attivazione delle azioni necessarie per il soccorso alla popolazione.

Cessato alle 17,45 l’allarme, un primo debriefing è servito a tutti i componenti del C.C.S. per una valutazione a caldo dei risultati dell’esercitazione.

L’esito della sperimentazione e le conseguenti valutazioni che saranno approfondite in seno all’apposito gruppo di lavoro costituito dal Prefetto al riguardo, consentiranno di affinare le procedure di emergenza e rendere più efficiente il Piano di Emergenza Esterna dell’Energas S.p.A.

La simulazione di ieri – ha sottolineato il Prefetto De Biagi – è stata ancora una volta, un’utile occasione per sperimentare il Piano di Emergenza Esterna di uno degli stabilimenti presenti in questa Provincia. In particolare, ha consentito di verificare le procedure di tutti gli Enti coinvolti nella gestione degli interventi di soccorso ed evidenziato una perfetta sinergia tra tutte le componenti.