“Tre omofobi a Terni” è la frase con la quale il consigliere comunale di Terni Devid Maggiora ha commentato una foto pubblicata sul suo profilo Facebook – scattata in un hotel durante un’iniziativa riservata ad iscritti della Lega – insieme al senatore Simone Pillon, autore del disegno di legge sull’affido condiviso, e al sindaco di Terni Leonardo Latini, tutti del Carroccio. Dopo alcune ore il post, al quale c’erano già stati diversi commenti pro e contro, è stato rimosso dal social network “per non avere rispettato” gli standard della community, come reso noto dallo stesso esponente leghista.

Il caso era stato sollevato dal Messaggero.it. “Spiace non abbiano capito l’auto-ironia” il commento di Maggiora su Fb. “La mia era una battuta, un modo per sdrammatizzare” ha quindi detto all’ANSA. “Solo chi non conosce Pillon – ha aggiunto – e la sua autoironia in merito alle accuse e gli insulti che riceve continuamente per le sue posizioni in difesa della famiglia naturale può pensare che fossi serio”. La foto è poi ricomparsa sul profilo di Maggiora ma con il commento coperto da una scritta nera. “Facebook mi ha appena cancellato il post” ha scritto a commento il consigliere della Lega. “Evidentemente – ha aggiunto – segnalato da qualcuno che proprio non capisce l’ironia. Finché ci offendono loro va bene ma se facciamo autoironia allora ci fanno censurare. Un bacione a tutti e forza #Lega. Ora e sempre #avantitutta”.