Nella notte tra venerdì e sabato, i Carabinieri della Stazione di Otricoli, hanno tratto in arresto una giovane coppia residente nel piccolo borgo di Poggio di Otricoli.

I due, un ragazzo e una ragazza romani di trent’anni, entrambi residenti in quella frazione e già gravati da precedenti di polizia specifici, erano dei pusher che smerciavano “droghe sintetiche” sia nel ternano che nella limitrofa provincia di Rieti.

Ed è proprio in concomitanza con la Stazione Carabinieri di Magliano Sabina, in provincia di Rieti, che si è svolta l’operazione.

Le informazioni dei Carabinieri di Magliano Sabina infatti, hanno permesso ai militari di Otricoli di acquisire gli elementi necessari al fine di identificare e procedere poi ad una mirata perquisizione domiciliare a casa dei due giovani.

Nell’abitazione sono stati ritrovati quasi 80 grammi di sostanza stupefacente del tipo “MD-MA” (metilenediossimetanfetamina) in cristalli, 5 grammi di hashish, due bilancini di precisione più tutto il necessario per il confezionamento delle dosi, nonché denaro contante per 100 euro verosimilmente provento di spaccio.

Lo stupefacente, venduto al dettaglio, avrebbe prodotto molte dosi, con un notevole guadagno.

Gli arrestati, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, venivano portati presso il tribunale di Terni per rito direttissimo nella mattinata odierna al termine del quale veniva disposta per entrambi la custodia cautelare. L’uomo veniva pertanto associato al carcere di Sabbione e la compagna al carcere femminile di Perugia.