Due cacciatori di 52 e 72 anni, sono stati denunciati dai carabinieri forestali di Terni per abbattimento di fauna protetta.

I militari li hanno fermati nella zona di Sant’Erasmo, una delle aree del territorio comunale dove più si concentra l’attività venatoria illecita, nell’ambito di un servizio antibracconaggio. I due cacciatori erano in possesso di 6 fringuelli e di un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico vietato per legge.

Per loro – oltre alla denuncia, al sequestro delle armi, dei richiami acustici, della selvaggina e alle sanzioni amministrative di varie centinaia di euro – è scattata anche la segnalazione alla Questura di Terni per i relativi provvedimenti di Polizia.