Due giovani poco più che ventenni, ma con numerosi precedenti di truffa a carico, uno di origini palermitane e l’altro piemontesi, sono stati fermati dagli agenti della Polfer in servizio alla stazione di Terni.

I due, più volte segnalati ed allontanati da diversi Comuni italiani, stavano cercando di vendere fazzoletti di carta e stampe di scarso valore millantando l’appartenenza ad una fantomatica associazione di volontariato, alla quale i proventi sarebbero stati devoluti.

Entrambi, dopo essere stati accompagnati in Questura per ulteriori accertamenti, sono stati muniti di Foglio di Via Obbligatorio per i rispettivi Comuni di residenza con divieto di ritorno nel Comune di Terni per tre anni.