A Bangkok per capodanno e a Barcellona a ferragosto mentre usufruiva dei permessi della Legge 104 chiesti per accudire la nonna: per questo la guardia di finanza di Foligno ha denunciato a piede libero un operaio di una ditta privata, un trentenne del posto, che aveva poi pubblicato su Facebook le foto delle vacanze con la compagna. A suo carico è stata ipotizzata l’accusa di truffa aggravata nei confronti dello Stato, per la quale rischia anche il licenziamento per giusta causa.

Secondo la guardia di finanza, nel 2017 l’uomo aveva chiesto la concessione di tre giorni consecutivi di permesso ‘agganciandoli’ a ferie o a riposi settimanali, in modo da aver a disposizione un periodo più lungo. Le indagini, coordinate dalla procura di Spoleto, sono state avviate con l’esame del profilo Facebook dove gli investigatori hanno rinvenuto foto delle vacanze. Sono stati quindi esaminati i dati rilevati al centro per l’impiego, all’Inps, presso le compagnie aeree e dal datore di lavoro.