Nei giorni scorsi, erano arrivate alla Polizia di Stato alcune segnalazioni da parte dei residenti in zona Gabelletta che avevano notato situazioni riconducibili allo spaccio. Il tempo di organizzare un’attività di osservazione e di monitoraggio e la risposta della Squadra Mobile non si è fatta attendere: mercoledì sera alle 22.00, dopo un lungo servizio di appostamento, gli agenti della Sezione Antidroga hanno arrestato un rumeno che giovedì mattina è comparso davanti al giudice del Tribunale di Terni che ha disposto per lui la custodia cautelare in carcere.
Il ragazzo è stato fermato all’uscita di un palazzo, da dove, per tutto il pomeriggio, erano entrate e uscite numerose persone, tra cui dei professionisti ternani, alcuni dei quali noti in città, che sono stati fermati ed identificati, dando spiegazioni poco plausibili sulla loro presenza in quello stabile. Alle 22.00, il ragazzo è uscito di casa e mentre stava salendo in auto, è stato fermato. Ha detto di abitare in un’altra zona, ma indosso gli sono stati trovati 750 euro e in casa, la stessa da dove era uscito, 29 dosi di cocaina, nascoste in cucina in due barattoli di riso, per un totale di circa 100 grammi, oltre ad un bilancino di precisione e tutto il materiale per il confezionamento. Trent’anni, disoccupato, incensurato, il giovane è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio.