Sono indagati per omicidio colposo determinato dall’eccesso, sempre colposo, di legittima difesa i due carabinieri intervenuti, insieme a un vigilante privato, per un furto in una tabaccheria della periferia di Perugia in seguito al quale uno dei presunti autori è stato ucciso da uno dei colpi di pistola sparati da militari e guardia.

Si tratta di un atto a garanzia dei diritti difensivi. E’ stata infatti eseguita l’autopsia sul corpo della vittima, un albanese, alla quale hanno partecipato i consulenti di parte.

Recuperata l’ogiva deformata a causa di un rimbalzo ma che in base a una prima ipotesi potrebbe essere compatibile con i proiettili in dotazione ai carabinieri. E’ stato anche interrogato dal sostituto procuratore titolare dell’indagine il capo pattuglia dell’Arma.

Il militare ha sostenuto di avere esploso due colpi di pistola verso le gomme e di avere udito degli altri spari, non sapendo però spiegare da chi provenissero.