Deve rispondere di avere minacciato di morte la ex compagna mentre era al supermercato con la figlia, nonostante il divieto di avvicinarsi perché già accusato di stalking, un albanese di 54 anni arrestato dalla squadra volante della questura di Perugia.

L’uomo è ritenuto responsabile di atti persecutori nei confronti della donna che circa due anni fa aveva troncato la relazione. Questa – riferisce la Questura – aveva quindi sporto sei querele e nei confronti del cinquantaquattrenne era stato disposto inizialmente il divieto di avvicinamento a causa degli atti persecutori, anche nei confronti della figlia, poi, per il proseguire di molestie e minacce, gli arresti domiciliari, terminati a giugno.

Secondo quanto emerso dagli accertamenti, gli atti persecutori sono però proseguiti anche quando la donna si è recata nel suo Paese dai parenti dove ha richiesto l’intervento della polizia locale. Quindi il nuovo episodio nel supermercato di Perugia e l’arresto da parte della volante.