L’equipe di neurochirurgia guidata da Carlo Conti, in collaborazione con il servizio di neurofisiopatologia diretto da Domenico Frondizi, ha eseguito nei giorni scorsi e per la prima volta all’ospedale di Terni, un delicatissimo intervento di asportazione di un tumore cerebrale in area eloquente o nobile (in cui ogni minima lesione comporterebbe un danno neurologico permanente) mediante monitoraggio corticale intraoperatorio.

Si tratta – spiega una nota dell’azienda ospedaliera “Santa Maria” – di una tecnica evoluta garantita solo da pochi centri in Italia, che conferma come il dipartimento di neuroscienze di Terni sia punto di riferimento nazionale per il trattamento delle patologie oncologiche cerebrali e per la neurochirurgia elettiva.

Ma la vera buona notizia è che la paziente, una 64enne umbra, è stata dimessa dopo tre giorni dall’intervento senza alcun deficit neurologico e in ottime condizioni generali.