Ha escluso la presenza di lesioni e quindi che l’uomo possa aver subito violenze, l’autopsia effettuata sul corpo del detenuto moldavo di 38 anni trovato morto – nei giorni scorsi – in una cella del carcere di Vocabolo Sabbione, a Terni.

L’esame era stato disposto dalla procura dopo che i familiari avevano denunciato di avere notato sul cadavere alcune ecchimosi da loro ritenute sospette.

Per chiarire le cause del decesso sarà comunque necessario attendere l’esito degli esami tossicologici.