La città di Terni ha ricordato questa mattina i tanti morti del primo dei 108 bombardamenti cui fu sottoposta la città. E lo ha fatto alle 10,30, davanti alla lapide di Via Lanzi, in occasione del 75° anniversario di quel drammatico evento. Oltre mille, 1018, per la precisione le vittime causate dalla pioggia di bombe scaricate su Terni. Un bombardamento devastante che rese Terni una città fantasma cambiandone radicalmente il proprio aspetto.

Presenti numerose autorità cittadine, guidate dal Sindaco Leonardo Latini. Tra gli altri il vice prefetto Andrea Gambassi, l’assessore regionale Giuseppe Chianella, il senatore Leonardo Grimani, alcuni assessori del Comune di Terni oltre ai rappresentanti delle forze dell’ordine (polizia di Stato, carabinieri, finanza, vigili del fuoco, forestali e polizia locale), dei corpi combattentistici e d’arma e dell’ANPI, l’associazione dei partigiani.