Indagini a tutto campo, da parte della polizia a Terni, per risalire a chi ha abbandonato, nel tardo pomeriggio di ieri nell’aiuola che si trova nei pressi del parcheggio a servizio del supermercato Euro Spin, di Borgo Rivo, a poca distanza dal raccordo Terni-Orte, un neonato poi trovato morto.

Al vaglio degli agenti della squadra mobile i fotogrammi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza dell’area, oltre alle testimonianze dei dipendenti e di alcuni clienti del supermercato, a partire dalla signora che ha scoperto la busta della spesa in cui, nudo, era stato posto il neonato.

Il corpicino, trasportato all’istituto di Medicina legale dell’ospedale Santa Maria, sarà sottoposto all’autopsia che verrà disposta dal pm di turno, Barbara Mazzullo, anche per capire se fosse già morto al momento del parto o no. L’ipotesi degli investigatori, anche da alcuni elementi raccolti sul posto, è che il piccolo sia stato abbandonato a poche ore di distanza dalla nascita.

A lasciarlo nel parcheggio – è sempre una prima ipotesi – potrebbe anche non essere stata la madre. Elementi utili potrebbero emergere inoltre dall’esame del dna.

Oltre agli accertamenti sui reperti trovati dalla polizia scientifica, gli agenti stanno provvedendo alla ricognizione delle strutture ospedaliere e sanitarie per individuare la lista delle partorienti e di coloro che sono state sottoposte ad accertamenti durante la gravidanza.

Sul luogo del ritrovamento del corpicino, intanto, c’è sgomento e commozione non solo tra i clienti e dipendenti del supermercato, oggi tornato alla sua normale attività.

Una bimba ha lasciato un fiore bianco, lo stesso ha fatto poco dopo una donna che lavora nello stesso supermercato. “È una tragedia frutto della disperazione e dell’ignoranza”, ha commentato il papà della piccola con la voce rotta dall’emozione. “È una cosa da brivido, notizie simili, nel 2018, non si possono sentire”, i commenti di altre persone.