Gli artificieri hanno rimosso le spolette in un’ora permettendo ai circa 12.000 evacuati di rientrare subito nelle loro abitazioni.
Terni (TR), 29 luglio 2018 – Su richiesta della Prefettura di Terni, gli artificieri dell’Esercito hanno provveduto al disinnesco e al brillamento di una bomba d’aereo americana da 500 libbre, ovvero circa 230 kg (modello AN – M 64 A1), risalente al secondo conflitto mondiale; la bonifica è stata condotta dagli specialisti del 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma. L’ordigno era stato rinvenuto nei pressi della stazione di Cesi, situata in una frazione limitrofa al Comune umbro.
Le operazioni, coordinate dalla Prefettura di Terni, sono iniziate alle ore 06.00 con lo sgombero di un’area di 1.800 metri di raggio dal punto di rinvenimento del residuato, che ha comportato l’evacuazione di circa 12.000 residenti e il divieto di sorvolo dello spazio aereo interessato.
Dopo la fase di evacuazione, il team di artificieri dell’Esercito ha iniziato alle ore 12:30 circa l’intervento di disinnesco per la rimozione delle spolette. In circa un’ora gli artificieri hanno rimosso entrambi i congegni meccanici, in modo da permettere il successivo trasporto in cava dell’ordigno. Le operazioni si sono concluse alle ore 17:00 con il brillamento della bomba in una cava nei pressi di Amelia (TR).
Dall’inizio dell’anno gli artificieri dell’Esercito hanno rimosso e distrutto oltre 800 ordigni esplosivi, rinvenuti in tutta Italia, mentre lo scorso anno sono stati bonificati oltre 2.100 residuati bellici.
L’Esercito negli ultimi dieci anni ha svolto oltre 35.000 interventi di bonifica su tutto il territorio nazionale, inoltre l’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione e all’aggiornamento degli artificieri delle Forze Armate e Corpi Armati dello Stato. L’Esercito, grazie alle capacità dual-use dei propri reparti Genio, è in grado d’intervenire su tutto il territorio nazionale in casi di pubblica utilità ed in situazioni di calamità naturali, come durante i recenti eventi che hanno colpito l’Italia centrale, dimostrandosi sempre una risorsa per il Paese. video splosione dal canale You Tube di tele Galileo https://youtu.be/BDHZVdh7LUQ