Sono venti le persone – tra cui l’ex sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo – rinviate a giudizio dal Gup, Natalia Giubilei, nell’ambito dell’inchiesta Spada, relativa a presunte irregolarità nell’affidamento, da parte del Comune, di alcuni appalti pubblici a cooperative cittadine.

Il prossimo 8 novembre, andranno a processo anche ex assessori delle varie giunte municipali tra il 2009 e il 2017, dirigenti, funzionari e dipendenti comunali, oltre a rappresentanti delle cooperative coinvolte.

Sentenza di non luogo a procedere, invece, così come chiesto dal pm Raffaele Iannella, nei confronti di altri cinque indagati: un dirigente e tre dipendenti comunali, oltre al presidente della Coop Actl, Sandro Corsi, che quindi escono definitivamente dal procedimento.

Un altro dirigente è stato invece prosciolto relativamente ad un solo capo d’imputazione.