Il ministro dei beni culturali e del turismo, Alberto Bonisoli, ha visitato – quest’oggi – Campi di Norcia nell’ambito del sopralluogo in alcuni dei centri colpiti dal terremoto del 2016. Ad accoglierlo la presidente umbra Catiuscia Marini, insieme al commissario alla Ricostruzione, Paola De Micheli, al capo Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli e al sindaco di Norcia, Nicola Alemanno.

La visita nella piccola frazione nursina ha riguardato la chiesa di San Salvatore, quasi completamente distrutta dal sisma e ora uno dei maggiori cantieri di ‘messa in sicurezza’. Sarà lì che dopo l’estate sarà allestito un laboratorio di restauro di cui avrà la direzione scientifica l’Istituto superiore per la conservazione, in collaborazione con la Soprintendenza dell’Umbria. E’ stata proprio la soprintendente Marica Mercalli a mostrare al ministro la selezione dei frammenti di affreschi recuperati.

“Quello che è stato realizzato qui a distanza di due anni dal sisma – ha detto il Ministro della Cultura – è il frutto di un vero lavoro di squadra tra i vari soggetti istituzionali del territorio e lo Stato a tutti i suoi livelli. Siamo alla fine di un’emergenza e all’inizio di una attività ordinaria e questo è un risultato fantastico di cui dobbiamo essere fieri – ha aggiunto il ministro – annunciando che il prossimo 24 agosto il “suo” dicastero passerà, nella gestione post sisma, dalla fase emergenziale a quella ordinaria. Sarà soltanto un atto amministrativo – ha spiegato – ma che ci permetterà di lavorare con maggiore efficacia e con l’obiettivo di ottenere risultati che restino nel tempo”.