E’ di un arresto ed una denuncia il bilancio dei controlli messi in atto dalla Polizia, a Terni, su disposizione del Questore Antonino Messineo, per fronteggiare i reati in materia di stupefacenti, l’immigrazione clandestina e il crimine diffuso. Complessivamente, le pattuglie della Squadra Volante e del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, hanno provveduto ad identificare 46 persone, 13 delle quali con precedenti e fermando 14 veicoli.

Nei controlli sono state utilizzate anche due unità cinofile della Polizia provenienti dalla Scuola di Nettuno, “Neki” ed “Enduro”, che hanno passato al setaccio, da ieri pomeriggio fino alla tarda serata, il centro cittadino ed i parchi, soffermandosi su ogni contenitore, cestino, fessura nei muri, albero e panchina. In totale, semi-interrata ai piedi un albero e dietro ad una panchina del Parco Ciaurro nonché sotto la grata di una finestra a piano-terra di Vico San Salvatore, gli agenti hanno recuperato 24 grammi di droga tra marijuana e hashish, corrispondente a circa 100 dosi.

Nei pressi dei luoghi dove è stato recuperato lo stupefacente erano presenti alcuni ragazzi stranieri che sono stati identificati. Tra loro una vecchia conoscenza della Polizia: un egiziano di 20 anni, pluripregiudicato per reati di droga, allontanato da Terni con la misura del Foglio di Via Obbligatorio nel 2017 ed accompagnato al Centro di Permanenza e Rimpatrio di Brindisi il 19 maggio scorso perché sprovvisto di permesso di soggiorno. Dai controlli in banca dati è emerso che in virtù di un procedimento penale che lo vedeva coinvolto, non era stato possibile procedere al suo rimpatrio, e la Polizia ritiene che fosse tornato in città per continuare la sua “attività”. Inespellibile, è stato però denunciato per l’inosservanza al divieto di ritorno nel Comune di Terni.

Quasi alla fine del servizio, mentre le pattuglie stavano rientrando, hanno notato un uomo armeggiare davanti alla porta di un ex-supermercato in via Libertini. L’uomo, che indossava sulla fronte una luce da minatore, è stato bloccato e trovato in possesso di un grosso cacciavite ed un paletto. Privo di documenti, è stato portato in questura dove è stato sottoposto a fotosegnalamento dalla Polizia Scientifica. E’ un romeno di 47 anni, senza precedenti penali e senza un lavoro fisso, che è stato arrestato in flagranza per tentato furto aggravato.