Il sindaco di Norcia e il presidente della Comunanza agraria di Castelluccio si dicono “indignati” per l’esposto presentato alla procura della Repubblica di Spoleto dal Wwf di Perugia contro la costruzione del “deltaplano”. Parlano in particolare di “azione strumentale” e “comportamento riprovevole”.

“E’ un atto senza alcun fondamento – ha detto all’ANSA il sindaco Nicola Alemanno – e il paradosso è che si chiede una garanzia fidejussoria legata al fatto che la struttura venga smontata quando tutto sarà ricostruito. Ma questo è già contenuto nella legge che ne permette la costruzione. Quindi basta con iniziative che mettono solo a repentaglio il presente e il futuro di tante famiglie che da due anni attendono di tornare a vivere e lavorare”.

“Non avremmo mai pensato che si potesse arrivare a tanto – ha sottolineato Roberto Pasqua, numero uno della Comunanza – fino a una situazione di profonda offesa alla collettività intera, piegata da due anni senza alcuna possibilità di lavoro alcuno”.