Un cucciolo di capriolo, che era rimasto impigliato con le zampe posteriori in una rete metallica di recinzione di un pezzamento di terra padronale nella zona adiacente i percorsi pedonali del belvedere inferiore della cascata delle Marmore, è stato liberato dalle guardie eco zoofile della Protezione Civile di Collescipoli.

Il fatto è accaduto nel tardo pomeriggio di ieri durante i consueti controlli ambientali nel territorio ternano. La situazione è apparsa complessa per la presenza della mamma del cucciolo e per la rete in cattivo stato di conservazione. Per non lasciare il proprio odore sul mantello del cucciolo, evitando cosi l’abbandono della madre, le guardie hanno indossato guanti protettivi e con l’aiuto di una tenaglia sono riuscite a liberare le zampe del piccolo dalla rete. Il cucciolo, chiaramente spaventato e sfinito, è rimasto accoccolato per più di dieci minuti con la mamma che vigilava a distanza di sicurezza.