Aveva una media di circa 100 contatti telefonici giornalieri, tutti di breve durata e presumibilmente finalizzati a stabilire incontri con clienti, alcuni dei quali provenienti anche dalle province vicine, un presunto spacciatore marocchino di 25 anni, arrestato a Terni dalla sezione antidroga della squadra mobile in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip.

Il giovane è stato bloccato nell’ambito dell’operazione denominata “Casbah 2018”, durante la quale, attraverso l’analisi del tabulato telefonico del venticinquenne e le testimonianze di numerosi assuntori locali e non, gli agentihanno acquisito elementi che hanno evidenziato una fiorente attività di spaccio di stupefacente, in particolare eroina, posta in essere dal marocchino. L’uomo – irregolare e già inquisito in passato per spaccio di stupefacenti – è risultato particolarmente attivo in pieno centro storico, nonostante fosse già sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Terni.

Sempre secondo secondo quanto appurato dagli agenti, il giovane era solito vendere la droga – a circa 25 euro per ogni dose – in particolare nella zona di Piazza Solferino, del parco pubblico La Passeggiata e di piazza dell’Olmo, specialmente in orario serale, avvalendosi anche di ‘vedette’ posizionate nelle vie limitrofe, in grado così di mantenere una vigilanza costante sulla zona interessata nei confronti delle forze dell’ordine. Da qui il nome dell’operazione Casbah, in arabo fortezza.