Ancora un arresto, oltre ai 14 già resi noti, nell’ambito dell’operazione “Montana” con la quale la Squadra Mobile della Questura di Terni ha disarticolato una vasta organizzazione multietnica dedita al commercio della droga. A finire in manette, in pratica mentre era in corso la conferenza stampa di ieri per illustrare i dettagli dell’operazione, è stato un albanese di 45 anni, senza fissa dimora, rintracciato dagli investigatori di Terni e della Questura di Roma, in un bar di Acilia. Alla Polizia l’uomo ha detto di non avere una casa, ma gli agenti sono riusciti a risalire alla sua compagna e di conseguenza al suo indirizzo dove è stato rinvenuto un kg di cocaina con un’altissima percentuale di principio attivo, suddivisa in pacchetti da 100 grammi ciascuno. L’albanese è stato così arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini dello spaccio.