Anche il Comune di Terni entra nell’Anagrafe nazionale della popolazione residente. E’ il 67/o in Italia, il secondo in Umbria, dopo Torgiano e il terzo, per densità e popolazione, dopo Modena e Ravenna, su tutto il territorio nazionale. L’amministrazione ha infatti recepito in tempi rapidi – spiega una nota di palazzo Spada – uno dei progetti strategici dell’Agenda digitale, insieme a quello della carta d’identità elettronica. In particolare l’Anagrafe nazionale è uno strumento che permetterà la circolarità e l’integrazione delle anagrafi a supporto di molteplici servizi pubblici per i cittadini, le imprese e la pubblica amministrazione. Sarà ad esempio possibile ottenere il rilascio di certificazioni anagrafiche, fruendo della banca dati dell’anagrafe nazionale di tutti i Comuni Italiani da qualsiasi di essi in cui il cittadino si trovi.

“Un obiettivo – sottolinea il Comune di Terni – raggiunto grazie all’accurato lavoro di bonifica dei dati anagrafici, portato a compimento dagli uffici Anagrafe, Stato civile e Sistemi informativi del Comune con il supporto del Ministero dell’Interno, del partner tecnologico Sogei, della software house Maggioli Informatica e grazie anche al convinto investimento profuso in termini di innovazione, intesa come strumento indispensabile per il miglioramento dei servizi”. Attualmente sono 101 i Comuni in lista, pronti al subentro nell’anagrafe nazionale della popolazione residente, che gradualmente interesserà tutti i 7.964 Comuni italiani.