“Sfruttamento e inefficienza: basta con questa alternanza”: questo lo striscione esibito davanti all’Ipsia Orfini di Foligno e al liceo Scientifico Majorana di Orvieto, durante il sit-in dei ragazzi del Blocco studentesco per contestare l’alternanza scuola-lavoro. “Dopo un anno dall’avvio del programma istituito con la Buona scuola abbiamo svolto un sondaggio tra gli studenti italiani – è detto in una nota del movimento – e il risultato è una piena bocciatura per le modalità con le quali viene gestita l’alternanza”. “Gli studenti vengono impiegati in mansioni del tutto sconnesse dalla realtà scolastica di appartenenza, rendendo inefficace lo svolgimento del lavoro rapportato al piano di studi di ognuno. Crediamo fermamente che si debbano istituire appositi consigli costituiti da professori, studenti e tutor aziendali – prosegue la nota – ai quali assegnare non solo il compito di individuare i progetti più coerenti con ogni percorso formativo, ma anche quello di controllare come venga svolto il lavoro”.