Prende il via, in Umbria, un sistema regionale di contrasto alla violenza di genere per “agire sempre più efficacemente in maniera preventiva, repressiva, educativa e assistenziale”. Nel Salone d’Onore di palazzo Donini a Perugia, sede della Regione, 41 soggetti hanno firmato un protocollo unico per la realizzazione di una vasta rete antiviolenza. Il documento è stato firmato dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, dai due prefetti di Perugia e Terni, Raffaele Cannizzaro e Paolo De Biagi, e dai vertici e rappresentati dei Comuni capofila delle zone sociali, Anci Umbria, aziende sanitarie, centro per le pari opportunità, centri antiviolenza e case rifugio, garante dell’infanzia, ufficio scolastico regionale, forze di polizia, procure, tribunali ordinari e per i minorenni, Ordine degli avvocati di Perugia, Terni e Spoleto. Obiettivo, costruire una rete regionale e un sistema dei servizi di contrasto alla violenza basata sul genere.