Sono già 3 le nomadi sorprese – dall’inizio dell’anno – all’interno e nei pressi della Stazione Ferroviaria di Narni Scalo – nell’ambito dei controlli effettuati dai Carabinieri per contrastare il fenomeno del cosiddetto “pendolarsmo criminiale”. L’obiettivo dell’Arma è in particolare quello di intercettare le numerose donne, provenienti dai campi nomadi del Lazio e soprattutto della Capitale, che si rendono spesso responsabili di reati contro il patrimonio, quali furti in appartamento o con destrezza nei confronti delle persone anziane, avvicinate talvolta con la falsa promessa di rapporti sessuali. Nel 2017, erano invece state oltre 10 le ragazze nomadi bloccate dall’Arma in zona, nei cui confronti è stato proposto e notificato il foglio di via obbligatorio. Nello stesso periodo sono state invece denunciate per inottemperanza al provvedimento di allontanamento ben 30 donne che, già destinatarie di foglio di via dal comune di Narni, erano state controllate nuovamente dai Carabinieri nell’area dello scalo.