Beni per circa 600 mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Perugia ad un calabrese condannato, nel 2014, in via definitiva, per estorsione e inquisito anche per traffico di droga, attualmente detenuto a Capanne. Il provvedimento, finalizzato alla confisca, è stato disposto dalla sezione penale della Corte d’appello. Le indagini sono state coordinate dalla procura generale di Perugia. Il sequestro ha riguardato tre appartamenti e cinque terreni, tutti nella provincia di Perugia, nonché un’auto, disponibilità bancarie e quote societarie. Beni affidati ora ad un amministrare giudiziario. L’uomo è risultato stabilmente residente a Perugia dal 2001.