Aveva 82 anni Enio Navonni ed era una delle memorie storiche della città.

Di quella del recente passato, ma anche della ‘Terni che fu’, nome ceh aveva scelto per uno dei suoi blog che raccoglieva memorie, documenti, leggende sulla sua amata Interamna.

Particolare la passione per cavalieri, templari e confraternite che rivestivano di fascino una città piena di bellezze ma maltrattata dalla storia contemporanea, anche a suon di bombe.

Da sempre legato alla sinistra cittadina, Enio Navonni lascia due figli, Sonia e Massimiliano.

Radio Galileo e Tele Galileo lo salutano con affetto, un amico ed un collaboratore, che con il suo programma televisivo “per Contrade e Castelli”, ci ha aperto una affascinante finestra sul passato remoto dell nostro territorio.