Sono dieci le città dell’Umbria (Perugia, Terni, Foligno, Città di Castello, Spoleto, Orvieto, Narni, Gubbio, Umbertide e San Gemini) che hanno ospitato oggi le iniziative allestite nell’ambito della prima Giornata regionale per la sicurezza stradale, all’insegna dello slogan “L’incidente non è una fatalità”, con il coinvolgimento, tra gli altri, di circa 5.000 studenti dalle scuole elementari alle superiori. Lo scopo, quello di diffondere la cultura delle buone pratiche e dei corretti comportamenti da parte di tutti gli utenti della strada. “Il 70 per cento degli incidenti stradali – hanno spiegato gli organizzatori della manifestazione, Forze dell’ordine, Aci ed Istituzioni – è da ricondurre infatti all’uso di telefoni o addirittura di tablet: un comportamento assolutamente da correggere”.

Istituita “con l’articolo 9 della legge regionale n. 8 del 17 aprile 2014, questa prima edizione è stata organizzata con il contributo e l’impegno delle istituzioni e delle associazioni che hanno partecipato al tavolo interistituzionale, condividendo il lavoro degli uffici e dell’assessorato regionale: Polizia Municipale, Polizia Stradale, Carabinieri, Vigili del Fuoco, l’Ufficio Scolastico regionale, le Prefetture di Perugia e Terni, l’Anci (Associazione nazionale Comuni) Umbria, le Usl Umbria 1 e Umbria 2, Croce Rossa Italiana, Aci Umbria. Un impegno corale che proseguirà. “La Giornata regionale – è stato aggiunto – è un passaggio importante che dovrà portare alla costituzione di una Consulta regionale per la sicurezza stradale”.