Agenti di Polizia in azione nell’ambito dei controlli messi in atto nei luoghi di aggregazione

frequentati da cittadini stranieri e conosciuti come luogo di spaccio. Un minorenne egiziano, intercettato in sella ad una bicicletta risultata rubata pochi giorni prima, è stato denunciato per ricettazione e riaffidato all’associazione ternana dove era già in carico. Il mezzo è stato riconsegnato al legittimo proprietario.

Agenti della Volante hanno invece dovuto fare uso dello spray al peperoncino per rendere innocuo un cittadino del Gambia che si era scagliato contro di loro. L’uomo aveva occupato – senza averne titolo – un posto letto presso una abitazione data in locazione ad una associazione che si occupa della gestione dei richiedenti asilo. Alla vista dei poliziotti si è scagliato contro di loro ed è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Un altro cittadino del Gambia è stato invece denunciato per minaccia aggravata avendo brandito un coltello da cucina nei confronti di un connazionale, anch’egli ospite di una struttura di accoglienza. Trovato in possesso di 2,5 grammi di hashish è stato inoltre segnalato in Prefettura.

Due donne di etnia Rom provenienti dal campo nomadi romano di Via di Salone, sono state poi fermate nel centro di Terni mentre erano intente a vendere bigiotteria riportante il punzone “oro 18K”. Le due, di 31 e 63 anni, sono state denunciate per ricettazione e gli oggetti contraffatti sequestrati. Nei loro confronti è stato inoltre emesso un provvedimento di divieto di ritorno a Terni disposto dal Questore.

Personale della Squadra Volante ha infine intercettato tre quindicenni che poco prima avevano rubato una bicicletta e tentato di rubarne un’altra. Sono stati condotti presso gli Uffici della Questura dove, chiamate le rispettive famiglie e informato il Magistrato di Turno presso il Tribunale per i Minori di Perugia, venivano denunciati in stato di libertà per furto aggravato in concorso. Le due biciclette da donna, una grigia “Bottecchia” ed una rossa “Vicini”, si trovano custodite presso gli Uffici della Questura a disposizione dei legittimi proprietari.