“La videosorveglianza e la messa in atto di controlli integrati stanno dando risultati concreti in termini di sicurezza cittadina, con particolare riferimento ai danneggiamenti, agli imbrattamenti e agli schiamazzi. Ulteriori passi in avanti verranno fatti con l’utilizzo dei provvedimenti amministrativi, resi possibili anche dal quadro normativo del cosiddetto decreto Minniti”. Lo ha detto il Sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, in occasione della conferenza stampa indetta, questa mattina, presso la sala consiliare di Palazzo Spada, per fare il punto sulla situazione della sicurezza in città. Presenti anche l’assessore alla Polizia Municipale Emilio Giacchetti ed il delegato alla sicurezza Daniele Pace, oltre ai dirigenti responsabili della Polizia Municipale, guidati dal comandante Federico Boccolini, e del sistema di videosorveglianza.

“Presto – ha aggiunto il sindaco – verranno pubblicate due nuove ordinanze, sul contrasto dell’uso smodato di alcolici e sulla situazione di piazza Meridiana. Dal 18 settembre – ha spiegato ancora Di Girolamo – è attivo il tavolo integrato che vede la presenza di tutte le Forze dell’Ordine, della Muncipale e del Comune, uno strumento utile per il contrasto alla illegalità nelle zone cittadine più soggette di altre ad alcuni fenomeni, in un’ottica di risposta congiunta che riguarda la prevenzione e la repressione, così come tutte quelle misure di cura della città che sono utili sul fronte del decoro e della sicurezza percepita”.

Il comandante della Polizia Municipale Federico Boccolini, ha ricordato gli interventi decisi dal tavolo integrato che hanno riguardato, nello specifico, il parco Ciaurro, via del Rivo, le zone del centro, sia per quanto riguarda le persone – con particolare attenzione ai permessi di soggiorno – che i locali pubblici. Dall’inizio dell’anno sono stati effettuati 500 controlli negli esercizi commerciali, rilevando 60 infrazioni sui temi dell’occupazione del suolo pubblico, della somministrazione di alcol a minori, del rispetto degli orari e dei limiti audiometrici. Il comandante della Municipale ha evidenziato che le immagini tratte dalla videosoveglianza sono state utilizzate in 34 occasioni, in indagini di natura penale o in incidenti stradali. Gli ultimi due casi hanno riguardato l’imbrattamento dell’ingresso dei servizi sociali del Comune, in via Croce Santa, con una persona che, grazie alle immagini, è stata identificata e denunciata alla autorità giudiziaria; per alcuni danneggiamenti compiuti in via Tre Colonne e in vico del Pozzo, sempre grazie alle telecamere presenti, è stata definita la fisionomia di alcuni giovanissimi che si sono resi responsabili di atti vandalici. Le indagini, a cura della Polizia Muncipale, proseguono per raggiungere all’indentificazione. “La videosorveglianza – ha concluso il sindaco – è pienamente in funzione, è uno strumento non solo di prevenzione e di deterrenza, ma è particolarmente utile anche nella individuazione delle responsabilità. Stiamo lavorando per estenderla”. Sono infatti in corso le procedure per installare nuove telecamere in piazza della Meridiana, in piazza Solferino, piazza San Giovanni Decollato e via Giannelli.