Verrà inoltrata alla Regione dell’Umbria giovedi prossimo, 17 agosto, dal Comune di Terni, la richiesta ufficiale dello “stato di emergenza” per la vasta area interessata dall’incendio divampato – per alcuni giorni – nella Valserra ternana. Sarà compito della Regione, dare poi una valutazione di merito e stabilire, inoltre, se si tratti di una emergenza regionale o di livello nazionale, inoltrando, in questo secondo caso, richiesta al Governo. Al momento il Comune, che ha provveduto ad anticipare la somma occorrente, ha già avviato i primi lavori necessari per consentire quanto prima il rientro degli 80 abitanti di Rocca San Zenone che continuano ad essere sfollati. I tecnici della Protezione Civile e l’Amministrazione Comunale hanno deciso di dividere i lavori in due stralci. Il primo, dell’importo di 110 mila euro, è già stato attivato e prevede la pulitura dei canali di scolo delle acque; la rimozione degli alberi e dei massi pericolanti; la realizzazione di una barriera di circa 30 metri per impedire la caduta di detriti sul centro abitato e sulla strada provinciale Valserra. Lavori che dureranno una settimana così da consentire già da domenica sera il rientro degli abitanti di Rocca San Zenone nelle proprie abitazioni e la riapertura a senso unico alternato della provinciale, attualmente interrotta dal km 2 al km 5. Le date saranno confermate nei prossimi giorni. Il secondo stralcio dei lavori prevede invece interventi strutturali per circa 200 mila euro, in base ad un progetto che ha anche uno sviluppo tridimensionale, realizzato grazie ai dati ricavati dal sopralluogo aereo compiuto nei giorni scorsi da un drone. Il progetto definitivo prevede la rimozione dei volumi rocciosi lesionati; il rafforzamento delle pareti e l’estensione di una ulteriore barriera antimassi.