Qualche settimana fa la vittima, circondata e aggredita da un gruppo di piccole nomadi borseggiatrici, alla fermata metro Barberini, aveva deciso  di acquistare  lo spray al peperoncino per difendersi. Ieri, la donna, romana di 63 anni,  mentre si trovava sulle scale mobili della stessa fermata, ha riconosciuto una delle minori e ha cercato di fermarla. Raggiunta, la nomade, prima ha negato ogni responsabilità e poi, ha iniziato a minacciare e ad aggredire nuovamente la vittima. Questa, spaventata, ha deciso di difendersi usando lo spray al peperoncino. Nell’agitazione del momento, però  ha indirizzato verso di sé il liquido urticante. Soccorsa dalla Polizia di Stato, intervenuta su segnalazione di alcuni testimoni, ha rifiutato le cure dei sanitari. Gli agenti però sono riusciti a bloccare la ragazzina ed una sua amica, che prive di documenti, sono state accompagnate al commissariato Castro Pretorio per gli accertamenti. Le due minori, di 11 e 16 anni, entrambe senza documenti, sono state affidate ad una casa famiglia. La prima, accertato essere la responsabile delle aggressioni,  è stata denunciata all’autorità giudiziaria.