Due studenti di fuori Umbria, il primo di agraria, 20 anni, il secondo 25, di biologia, sono stati arrestati dalla polizia. I due – secondo quanto accertato dagli agenti della volante – nell’abitazione che condividevano a Perugia, anche sfruttando le loro conoscenze universitarie, avevano messo in piedi una sorta di azienda agricola per la produzione di marijuana. La polizia ne ha sequestrata 337,21 grammi, corrispondente a circa 689 dosi, insieme a 430 euro. I due giovani si sono difesi dall’accusa di concorso in fabbricazione e detenzione di droga sostenendo di essere consumatori e di coltivare lo stupefacente per uso personale. Dopo il processo per direttissima, il giudice ha vietato ad entrambi di dimorare in Umbria, disponendone il rientro nelle zone d’origine.